^Torna su
logo
foto1 foto2 foto3 foto4 foto5
  
  
  
Get Adobe Flash player

Progetto educativo Sezione Materna a.s.2018-2019

LE MIE EMOZIONI 

(Stralcio del programma disponibile presso la segreteria della scuola)

 

 Premessa

Quest'anno ci proponiamo di realizzare un percorso educativo -didattico che si avvale di un filo conduttore basato sul mondo delle favole, partendo dal naturale interesse e curiosità che i racconti esercitano sui bambini e dall'importanza che hanno come strumento di crescita. L'incontro e la conoscenza con le favole classiche costituisce un genere narrativo che permette al bambino di descrivere la propria vita interiore, e le proprie emozioni. L'educazione all'ascolto e alla lettura sta cedendo il posto a quella delle immagini per il forte fascino che hanno le informazioni visive, per cui la lettura risulta per i bambini noiosa ed inutile. E' opportuno quindi che la scuola, pur essendo pronta ad accogliere le innovazioni e sfruttarle ai fini di uno sviluppo integrale delle abilità e delle competenze dei bambini, si concentri sul recupero dell'importanza della storia e del confronto tra bambino e libro. Per far scaturire un autentico amore per le favole è indispensabile che le motivazioni si sviluppino su un vissuto emozionale mediante il quale la lettura si trasformi in un gioco divertente, creativo e coinvolgente. La scoperta dei testi classici, scelti appositamente per le particolari caratteristiche dei personaggi e degli eventi, favorirà l'interazione tra momento affettivo e cognitivo. Le varie attività didattiche si articoleranno e diversificheranno secondo la fascia di età e i bisogni formativi rilevati nei singoli e si porrà un'unica finalità: EDUCARE IL BAMBINO A CONOSCERE, VIVERE, CONDIVEDERE IL PROPRIO MONDO EMOTIVO.

Le favole non dicono ai bambini che i draghi non esistono, perché i bambini lo sanno già.
Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti
G. K. Chesterton

 

Tempi

Settembre: Progetto accoglienza
Ottobre, novembre, dicembre: Biancaneve (rabbia, gioia, tristezza, paura)
Gennaio, febbraio, marzo: Cappuccetto Rosso (rabbia, gioia, tristezza, paura)
Aprile, maggio, giugno: Cenerentola (rabbia, gioia, tristezza, paura)

Finalità educative

  1. Favorire un approccio emotivo ed emozionale con la fiaba
  2. Fornire al bambino/a le competenze necessarie per utilizzare la comunicazione verbale e gestire la propria emotività.
  3. Sviluppare la capacità di comprensione empatica

Progetto accoglienza

Il sé e l’altro: interagisce positivamente con adulti e coetanei.

Obiettivi

  • 3 ANNI:
    • scoprire la scuola come luogo di incontro;
    • apprendere i nomi dei compagni e delle insegnanti.
  • 4/5 ANNI:
    • riallacciare rapporti positivi;
    • ricordare le regole della vita comune;
    • dimostrare atteggiamenti positivi di accoglienza verso i nuovi;
    • assumere comportamenti corretti verso i compagni di gioco.

ATTIVITA’:

  • giochi di benvenuto finalizzati alla conoscenza;
  • attività di collaborazione.




Il corpo in movimento: vive pienamente la propria corporeità, ne percepisce il potenziale comunicativo e interagisce con gli altri.

OBIETTIVI:

  • 3 ANNI:
    • acquisire autonomia personale;
    • riconoscere le parti del corpo su di sé e sugli altri.
  • 4/5 ANNI:
    • rafforzare l’autonomia personale;
    • dentificare i propri compagni in base alle loro caratteristiche fisiche;
    • mimare e drammatizzare fiabe.

ATTIVITA’:

  • Giochi motori.
  • Immagini, suoni, colori: comunica, esprime emozioni, racconta, utilizza materiali e strumenti .

OBIETTIVI:

3 ANNI: si accosta a materiali e tecniche diversi.
4/5 ANNI: rappresentare i propri vissuti e le proprie emozioni,usare con piacere materiali e strumenti.

ATTIVITA’:

  • Produzione di un cartellone delle vacanze.
  • I discorsi e le parole: sa esprimere emozioni e sentimenti attraverso il linguaggio verbale .

OBIETTIVI:

  • 3 ANNI: saper esprimere i propri bisogni e saper comunicare brevi esperienze vissute.
  • 4/5 ANNI:
    • saper usare il linguaggio verbale per interagire e per comunicare;
    • leggere le immagini di una favola;
      raccontare e condividere le proprie esperienze nelle vacanze estive.

ATTIVITA’:

Giochi verbali rievocando le vacanze estive.


Programmazione

Il sé e l’altro

QUADRO DELLE COMPETENZE:

  • sviluppa il senso dell’identità personale;
  • sa esprimere e riconoscere stati d’animo.

OBIETTIVI:

  • 3 ANNI: riconosce alcune espressioni facciali collegate alle emozioni.
  • 4/5 ANNI:
    • comunica e condivide i propri stati emotivi;
    • accetta le diversità
    • progetta e collabora.

ATTIVITA’:

conversazioni guidate sui concetti della storia;
individuazione del cattivo e del buono;
drammatizzazione della storia;
schede didattiche.


Il corpo in movimento

QUADRO DELLE COMPETENZE

: vive la propria corporeità, ne percepisce il potenziale educativo e interagisce con gli altri.

OBIETTIVI:

  • 3 ANNI: coordinare i propri movimenti muovendosi in sicurezza.
  • 4 ANNI: percepire la posizione del proprio corpo in relazione agli oggetti.
  • 5 ANNI: conoscere e denominare lo schema corporeo e affinare la motricità fine.

ATTIVITA’:

realizzare marionette dei personaggi della storia;
giochi e percorsi motori (es. alla ricerca della casetta dei nani);
attività per la motricità fine (strappare, tagliare, punteggiare);
schede didattiche.

Immagini, suoni, colori

>QUADRO DELLE COMPETENZE: comunica, esprime e racconta utilizzando tecniche espressive e creative.

OBIETTIVI:

  • 3 ANNI: utilizzare le prime diverse tecniche grafico-pittoriche.
  • 4/5 ANNI:
    • rappresentare graficamente vissuti ed emozioni;
    • usare a piacere materiali e strumenti.

ATTIVITA’:

elaborazione di un cartellone della storia;
realizzazione di tavole cromatiche associate alle emozioni;
schede didattiche.

I discorsi e le parole

QUADRO DELLE COMPETENZE: favorire l’utilizzo della comunicazione verbale per gestire la propria emotività.

OBIETTIVI:

  • 3 ANNI: il bambino inizia a dare un nome alle emozioni fondamentali.
  • 4/5 ANNI:
    • conoscere, riconoscere e denominare gli stati d’animo;
    • comprendere ciò che si ascolta;
    • ampliare il vocabolario emotivo.

ATTIVITA’:

ascolto delle favole classiche;
giochi di parola;
ricostruzione in sequenza temporale di una storia attraverso le immagini;
schede didattiche.


la conoscenza del mondo

QUADRO DELLE COMPETENZE: il bambino sa collocare e discriminare il tempo delle giornate, realizzando causa-effetto.

OBIETTIVI:

  • 3 ANNI: intuire scansioni temporali e cogliere le trasformazioni.
  • 4 ANNI: riconoscere le dimensioni temporali e le relazioni topologiche.
  • 5 ANNI:
    • operare con le quantità;
    • ordinare le sequenze di una storia;
    • vivere il libro come…

ATTIVITA’:

giocare e classificare;
riordino delle sequenze sulle storie raccontate;
analizzare gli ambienti che caratterizzano la storia;
schede didattiche.

Copyright © 2013. KIDS ScHO0L Rights Reserved.